In viticoltura, siamo in una fase importante come lo sviluppo e l’accrescimento degli acini, che ci accompagnerà nella formazione del grappolo fino ad invaiatura e maturazione. Naturalmente, è necessario continuare a difendere la vite con degli interventi che possano prevenire le malattie, quanto dei trattamenti che supportino le varie fase vegetative, nutrendo la pianta. Con la Farina di Basalto® XF Biostimolante fogliare, si può efficacemente intervenire sia in protezione che in nutrizione, vediamo come.

Prevenzione da malattie fungine

Continua nel vigneto la difesa da due temibili patogeni come oidio (Uncinula necator, Oidium tuckeri) e peronospora (Plasmopara viticola).

La prevenzione e la difesa devono iniziare infatti dalle prime fasi di germogliamento per difendere dapprima le foglie e in seguito i preziosi acini. Che si operi in agricoltura integrata o biologica, in entrambi i casi si deve ricorrere a sistemi di difesa che garantiscano il minimo impatto ambientale unito ad un’efficacia garantita. Qualora le condizioni ambientali, come umidità e temperatura, favoriscano l’attacco di questi patogeni, essere tempestivi ed organizzati sarà fondamentale, in quanto risulterà difficile eradicare la malattia una volta che si manifesterà sulla pianta e si rischierà di fare trattamenti che non potranno più avere successo.

Per fare tutto ciò, dobbiamo gestire al meglio i mezzi tecnici a disposizione, dal rame, allo zolfo, ad altri antiperonosporici e antioidici, che, a seconda del meccanismo d’azione lavorano in copertura, oppure sono di tipo sistemico. Tra i mezzi tecnici a disposizione, rientra sicuramente anche la Farina di Basalto® XF Biostimolante fogliare, la quale può essere utilizzata in tutte le fasi vegetative, da germogliamento alla raccolta.

La Farina di Basalto® XF Biostimolante fogliare, con il rinforzo strutturale e l’azione di barriera fisica sui tessuti, diminuisce la possibilità che un fungo possa penetrare all’interno della pianta. Questo meccanismo è opera della deposizione dei silicati sulla superficie fogliare, con i benefici del silicio che, tra tutti gli elementi minerali del basalto, opera una difesa diretta ed indiretta.

Il silicio stesso, è il responsabile dell’attivazione dei geni di resistenza della pianta ai patogeni, attivando dunque le risposte necessarie al rinforzo strutturale e una difesa attiva.

Inoltre, il trattamento fogliare garantisce un’ottima copertura dei tessuti, con una persistenza prolungata che resiste anche alle piogge che non vanno a vanificare il trattamento. Il prodotto Farina di Basalto® XF Biostimolante fogliare è anche miscibile agli altri mezzi tecnici di copertura comunemente utilizzati, così che si possa agevolmente gestire quantitativi da utilizzare, numero di trattamenti, ottimizzare le dosi dei singoli prodotti. Ad esempio, possiamo ottimizzare la persistenza del rameico sulla pianta pur diminuendo i quantitativi di utilizzo, o gestire al meglio il numero di trattamenti complessivi da effettuare nel vigneto.

Andando avanti nella stagione, potrebbe insediarsi nel grappolo anche la muffa grigia (Botrytis cinerea), per questo, per gli stessi motivi indicati sopra, è molto importante fare un trattamento Farina di Basalto® XF Biostimolante fogliare nella fase imminente di prechiusura del grappolo.

L’importanza degli elementi minerali del basalto

In tutte le fasi di sviluppo è importante che la pianta abbia a disposizione e in modo equilibrato tutti gli elementi minerali che ne vadano a supportare lo sviluppo, per questo il trattamento fogliare con elementi come silicio, ferro, potassio, calcio, magnesio, un valido supporto minerale.

L’aumentata disponibilità di ferro, stimola direttamente la fotosintesi accelerando il metabolismo. Durante lo sviluppo è importante anche il potassio che entra direttamente nella regolazione stomatica e insieme al silicio gestisce l’evapotraspirazione, importante da mantenere in equilibrio durante la fase estiva.

Dosaggi e trattamenti consigliati

I dosaggi da utilizzare variano dall’1.5% al 3%, a seconda che il prodotto si utilizzi da solo o in combinazione con altri mezzi tecnici e della fase specifica di trattamento.

VITE

POST RACCOLTA     3%
POST POTATURA     1.5%
PREFIORITURA      1.5%
PRECHIUSURA       3%
INVAIATURA        3%
MATURAZIONE       3%

Esempio dosaggio:
1.5% = 1.5Kg ogni 100 L d’acqua

Esempio di protocollo che può essere seguito durante la fase estiva. Chiedi ulteriori consiglio ai nostri tecnici.

Inoltre, tenete presente che la Farina di Basalto® XF Biostimolante fogliare, è certificata anche per l’uso in agricoltura biologica, non ha bisogno di patentino e anche il tempo di carenza è nullo, per cui, l’utilizzo del prodotto rientra nella piena sostenibilità ambientale.

DOVE ACQUISTARE LA FARINA DI BASALTO®

Per acquistare la Farina di Basalto® puoi:

  • Consultare la mappa dei rivenditori presso i quali è possibile acquistare i prodotti della linea Farina di Basalto®.
  • Navigare sul nostro shop online dove è possibile trovare tutte le tipologie di Farina di Basalto in vari formati e pesi
  • Contattarci per ulteriori informazioni, utilizzando il form della pagina contattaci